Prima tappa Verona – Treviso: Autogiro e Confartigianato compagni di viaggio all’insegna dell’eccellenza

https://www.confartigianato.it

FONTE: Confartigianato Imprese

Alle ore 10 del 14 settembre la carovana dell’Autogiro d’Italia si è messa in moto e ha percorso i 233 chilometri della prima tappa che partita dal Castello Scaligero di Villafranca di Verona, dopo aver toccato Mantova, si è conclusa a Treviso.

In questo debutto siamo già all’altezza delle migliori aspettative per la granfondo automobilistica non competitiva ormai entrata di diritto nel panorama degli historic challenges. L’entusiasmo dei 40 equipaggi è quello dei raid che hanno fatto la storia dell’automobilismo. E straordinarie sono le autovetture che partecipano a questa seconda edizione di Autogiro. Esemplari davvero unici come la Jaguar SS 100 del1937, una sportiva d’altri tempi prima tra tutte a potersi fregiare del nome Jaguar e dove il 100 richiama le miglia  orarie che riusciva a raggiungere. E ancora l’esclusiva Austin Healey del 1960 e la Maserati  Mexico, disegnata dalla famosa autocarrozzeria Vignale che la presentò al Salone di Tornio del ’65 e che poi venne prodotta ininterrottamente dal 1966 al ’72, la campagna di marca Ghiblima e poi Jaguar Etype, XK150, Porsche 356, Ferrari, Lancia, Fiat, Alfa Romeo, Mercedes, Lamborghini.

Insomma, l’eccellenza delle auto d’epoca che ad Autogiro portano su cofano e fiancata la firma di Confartigianato protagonista della manifestazione a rappresentare un’altra eccellenza, quella dell’artigianato e delle piccole imprese italiane. Già perché Autogiro e la Confederazione sono anche quest’anno compagni di viaggio nel cuore dell’Italia dell’artigianato e della piccola impresa, nei luoghi dove gli imprenditori mantengono vivo il tessuto economico e sociale. Sono le Associazioni del Sistema Confartigianato ad accogliere negli Autogiro Village le vetture e gli equipaggi In tutte le tappe e nelle numerose località dell’itinerario, mostrando, con i prodotti e i servizi delle proprie aziende, la ricchezza delle identità territoriali che contraddistinguono il nostro Paese, i diversi settori d’attività, le caratteristiche di tradizione e innovazione, le testimonianze del talento e dell’abilità degli imprenditori.

Oggi si riparte da Treviso per la seconda tappa con arrivo a  Cortina  d’Ampezzo. Sarà poi la volta di Trento, Salsomaggiore Terme (Parma), Montecatini Terme (Pistoia).  Sabato 19 settembre, dopo aver percorso 1700 chilometri, il gran finale sempre a Villafranca  di  Verona con le premiazioni e la Serata  d’Onore.